“Un buon insegnante spiega. Un ottimo insegnante dimostra. Un grande insegnante ispira”. – intervista con Marta Czyrkiewicz di Inspire Math Matematica.

Chi è un buon, o un grande, insegnante? Colui che è in grado di ispirare uno studente o di accendere in lui una passione. Marta dimostra che la matematica può essere affascinante e facile. Per rendere l’apprendimento più piacevole, utilizza l’apprendimento basato su progetti, l’insegnamento attraverso la scoperta, la combinazione della matematica con l’arte, le mnemotecniche, i manipolatori matematici e mostra la bellezza della matematica nella vita quotidiana. Potete trovarla sulla nostra piattaforma come ‘Inspire Math Matematica‘.

Marta Czyrkiewicz

Come mai ha deciso di diventare insegnante?

La mia storia è fatta di molte cose: un lavoro aziendale che bloccava le mie opportunità e la mia creatività, una passione per i metodi alternativi di insegnamento della matematica, alunni che avevano difficoltà con la matematica e, soprattutto, un enorme fascino per la bellezza della matematica.

Onestamente, non pensavo nemmeno che sarebbe andata così, che sarei stata dove sono ora, che sarei stata in grado di perseguire i miei sogni, di mostrare ai giovani che la matematica può essere facile, che è bella e, soprattutto, che avrei ispirato così tanti meravigliosi insegnanti di tutto il mondo.

Mi sono ispirata molto al modello educativo americano (ora anche australiano). Cosa mi ha spinto ad interessarmi al modo di insegnare all’estero?

In quanto adattano i metodi di insegnamento ai bambini di oggi, al mondo di oggi. Si concentrano sull’apprendimento basato su progetti, che offre agli alunni l’opportunità di sviluppare importanti competenze necessarie nel XXI secolo, tra cui la collaborazione, il lavoro di squadra, la risoluzione di problemi, la creatività e il pensiero critico e interdisciplinare.

Sappiamo tutti che i bambini imparano meglio:
– quando sono curiosi di qualcosa e vogliono saperne di più,
– quando non vengono giudicati, quando possono sperimentare e sbagliare,
– quando lavorano in gruppo con altri bambini, creando qualcosa insieme,
– quando possono agire, impegnare altri sensi, toccare, vedere, manipolare.

Avevo molte idee in testa e così ho creato un blog di matematica su Facebook e Instagram (Inspire Math Matematica) da condividere con altri insegnanti. Quando cercavo le risorse, mancava sempre qualcosa, così ho iniziato a crearle da sola. Li ho creati in inglese e li ho utilizzati con i miei alunni. Ho condiviso i miei materiali in gruppi all’estero con insegnanti di tutto il mondo. Poi ho iniziato a ricevere richieste di creare progetti per scuole specifiche negli Stati Uniti, per argomenti specifici. E così è iniziato tutto. La mia creatività è stata riconosciuta negli Stati Uniti e ho iniziato a creare progetti per loro, che poi ho messo su “Teachers Pay Teachers”, perché quando facevo un progetto particolare, sempre più insegnanti lo richiedevano. Poi c’è stata un’offerta da parte di “Amped Up Learning” in Texas.

Se creiamo qualcosa per i nostri studenti, perché dovrebbe finire in un cassetto? Perché non offrirlo ad altri insegnanti? D’altra parte, quando non abbiamo tempo di preparare qualcosa, possiamo risparmiare ore e utilizzare i materiali preparati da un altro insegnante. Per questo sono stato felice quando è stato creato il portale Edudoro, perché dà la possibilità di diffondere ottimi materiali a molti insegnanti.

Dopodiché, tutto si è svolto da solo. Ho tenuto alcuni laboratori di matematica. Sono stata invitata a partecipare a un progetto australiano in fase di realizzazione. Frequento corsi di formazione e conferenze all’estero, tra cui l’Australian Mathematics Teachers Online Conference (AMTOC), la Beyond Math Conference e il Summer Math Summit. Ho anche trovato una scuola in cui sarò in grado di implementare l’insegnamento della matematica con un’attenzione particolare allo stile di insegnamento americano, cioè la gamification, l’apprendimento basato su progetti, l’applicazione della matematica alla vita quotidiana, l’insegnamento attraverso la scoperta e il collegamento della matematica all’arte.

Il materiale di Marta su Edudoro.eu Progetto matematico – frazioni decimali: crea la tua fattoria – Apprendimento basato sui progetti.

Cosa ti dà più soddisfazione nel tuo lavoro?

Lo sguardo sul volto di un alunno quando ha capito una domanda e non riesce a credere che sia stato così semplice. La soddisfazione maggiore mi viene dagli alunni che mi chiedono in corridoio se oggi hanno lezione di matematica con me e dagli altri insegnanti di tutto il mondo che mi ringraziano quando usano i miei materiali e scrivono del grande impegno degli alunni.

Cosa ti ispira nel creare materiali per le tue lezioni?

Gli alunni e i loro problemi di apprendimento, gli alunni che vogliono toccare con mano e capire la matematica, gli alunni che si chiedono quali siano i suoi vantaggi. Insegnanti di tutto il mondo che vogliono altri progetti. Traggo ispirazione anche da conferenze estere, da portali e dalla vita quotidiana. Non appena mi viene in mente qualcosa, lo scrivo per usarlo in seguito. Al momento ho molte idee, ma non ho il tempo di realizzarle tutte. Aggiungerò successivamente materiali nella versione italiana, ma sentitevi liberi di dare un’occhiata alle mie offerte all’estero. Se vi piace qualcosa, posso convertirlo in una versione italiana e aggiungerlo su Edudoro.

Il materiale di Marta su Edudoro.eu Area di figure composte – Progetto di matematica e arte. Prospettiva a un punto – il mio nome.

Cosa cambieresti della realtà scolastica?

Vorrei che gli alunni potessero seguire ciò che gli piace, ciò che gli interessa, anche nelle classi più giovani. In modo che gli adulti capiscano che non è necessario prendere solo 10, che non è possibile essere un’aquila in ogni materia. Gli insegnanti dovrebbero ispirare i bambini a imparare, non forzarli. La teoria dei ruoli di squadra di Belbin è spesso utilizzata nelle aziende. Perché non introdurlo già nelle scuole? Ognuno è più bravo in qualcos’altro e potrebbe dimostrarlo con un ruolo appropriato in un progetto di classe. I bambini dovrebbero anche lavorare in gruppo sui progetti, in modo che ognuno possa eccellere in un’area in cui si sente forte. Ciò aumenterebbe l’autostima e la motivazione all’apprendimento degli alunni.

Sulla nostra piattaforma vendi materiali di grande valore. Quali benefici vedi in questo tipo di attività?

I modi creativi di insegnare sono efficaci! La “gamification” è l’uso di meccanismi noti ai giochi, ad esempio, per stimolare l’apprendimento. Creo giochi e escape room che motivano gli studenti a risolvere i compiti ottenendo punti, passando alla fase successiva e vincendo. Creare una trama avvincente fa sì che il bambino voglia andare avanti e prendere i libri da solo per trovare il risultato corretto. Tutti hanno bisogno di motivazione, quindi perché non motivare i bambini all’apprendimento combinandolo con i giochi?

Gli alunni ricordano meglio le lezioni quando agiscono in modo pratico. L’insegnamento basato su progetti e l’apprendimento per scoperta aiutano gli studenti ad appropriarsi del loro apprendimento. La curiosità aiuta gli studenti a impegnarsi e a comprendere meglio l’argomento, anziché limitarsi a memorizzare regole o formule.

La combinazione di matematica e arte aumenta la creatività degli alunni. Il rafforzamento delle abilità artistiche influenza positivamente le competenze relative alla matematica. Questa combinazione fa sì che la mente pensi in modi nuovi e inaspettati.
Lasciate che i bambini siano creativi, che sperimentino, che commettano errori, che si sviluppino ed esplorino liberamente.
Vorrei ispirare il maggior numero possibile di giovani alla matematica, perciò quando creo dei materiali li condivido con altri insegnanti, in modo che anche loro possano mostrarne la bellezza. Penso che ci siano molti insegnanti che sono creativi e creano cose meravigliose. Condividiamoli.

Il materiale di Marta su Edudoro.eu Progetto matematico – La città vista dall’alto. Area e perimetro. Progetto artistico. Prospettiva di un punto.

Qual è il tuo motto quando si tratta di lavorare con i bambini?

Citazione: William Arthur Ward “The mediocre teacher tells. The good teacher explains. The superior teacher demonstrates. The great teacher inspires”.
“L’insegnante mediocre racconta. Il bravo insegnante spiega. Il bravissimo insegnante dimostra. Il grande maestro ispira”.

Cosa vorresti dire alle persone che iniziano a lavorare a scuola?

Cercate di vedere con gli occhi di un bambino. Recitare un libro e impararlo a memoria non è sempre la cosa più importante. Forse a volte vale la pena di presentarlo in modo divertente, senza parole grosse e difficili. Perché non fare un esperimento del genere e vedere se più alunni ricordano l’argomento? Nessuno deve essere perfetto, tutti possono avere una giornata storta. Diamo agli studenti una seconda possibilità e la nostra mano. Non inseguiamo il materiale perché è la cosa giusta da fare. Rimaniamo su un argomento più a lungo se lo richiede. Mostriamolo in modo diverso il giorno dopo. Diamo agli studenti l’opportunità di dimostrare, magari mostrandoci il loro ragionamento e aiutando gli altri a comprenderlo.

Grazie per la preziosa conversazione!

Grazie.

Visitate la pagina di Marta:

https://linktr.ee/inspire.math

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.